Pari e Dispari

Interventi e metodi per una comunità inclusiva

Pari e Dispari – interventi e metodi per una comunità inclusiva, è un progetto selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile e presentato dalla Cooperativa Sociale Emmanuele, in collaborazione con 51 partner della provincia di Cuneo.
Pari e Dispari intende promuovere interventi di contrasto alle povertà educative dei bambini, agendo sull’interruzione della trasmissione inter-generazionale e sull’attivazione della comunità educante. La situazione sociale della Provincia presenta evidenti divari tra i bambini, che tendono a riproporre le carenze socio-economiche e culturali delle famiglie e dei contesti di provenienza.
Il progetto si sviluppa con azioni estese su tutto il territorio, coinvolgendo enti del privato sociale, scuole, servizi pubblici e associazionismo, rivolgendosi a un mix di destinatari (bambini, famiglie, insegnanti, operatori, cittadini). Si prevede la sperimentazione su ampia scala di interventi e metodi innovativi ed integrati, rivolti sia ad un target universale, in un’ottica preventiva e formativa, sia al target specifico dei bambini in condizioni di povertà educativa, in una logica di promozione di pari opportunità di crescita.
Poiché la povertà educativa ha una matrice multidimensionale (economica, culturale, relazionale), il progetto intende dunque contrastarla avviando una sperimentazione di ampio respiro (provinciale) che agisce su differenti fronti e target:

  • empowerment dei bambini (rinforzo delle competenze trasversali, cognitive e non)
  • creazione di narrazioni “inclusive”
  • capacitazione degli adulti (genitori, insegnanti, operatori)
  • attivazione dell’intera comunità educante (scuola, terzo settore, agenzie educative e sociali, cittadinanza)
  • integrazione sociale dei bambini in condizioni di povertà educativa (a partire da una logica di pari opportunità).

Pari e Dispari fa leva sull’ineliminabile diversità di ogni bambina/o e sua storia pregressa, in quanto risorsa fondamentale per l’apprendimento, la crescita e la “riuscita” personale e relazionale da “scovare” e rinforzare. Inoltre riconosce le differenze (di genere, di provenienza, ecc.) come potenziali variabili di limitazione delle “pari opportunità”, in una società che premia perlopiù la competizione e la prestazione, senza garantire a tutti le stesse condizioni di partenza. Ma mette anche l’accento sulla congiunzione “e”, sulla necessità e urgenza di comprendere, mettere insieme ed integrare i “diversi”, sia ad un livello intra-personale, che inter-personale che sociale.

Per informazioni:
pariedispari@emmanuele-onlus.org

AZIONI SUL TERRITORIO
FARE SISTEMA è propedeutica alla realizzazione di tutte le azioni di progetto, mirando a creare un “sistema” di governance, che vede intersecarsi i seguenti livelli: il coordinamento generale e di quadrante; – il coordinamento tecnico delle azioni sperimentali; la gestione del partenariato; lo scambio e modellizzazione di buone prassi; il lavoro di advocacy con le amministrazioni pubbliche.
BAMBINI FORTI risponde al bisogno di rinforzare le competenze cognitive e non cognitive dei bambini, all’interno del loro principale contesto di apprendimento e socialità fra coetanei: il gruppo classe. Tale azione ha quindi una valenza al contempo universale ed inclusiva, rivolgendosi a tutti i bambini e le bambine ma anche, nello specifico, ai bambini in condizioni di povertà educativa (alunni con B.E.S., con difficoltà relazionali, ecc.).
DOCENTI E OPERATORI IN FORMA intende capacitare i docenti delle Scuole primarie, affinché possano sperimentare nuove forme di didattica inclusiva ed innestarle sulle prassi già avviate, e al contempo gli operatori sociali delle Cooperative partner, in modo che possano poi realizzare “a cascata” interventi formativi, rispettivamente rivolti a minori e ai genitori, di media education e di alfabetizzazione economica e finanziaria.
FUORICLASSE intende rinforzare i presidi educativi rivolti ai bambini e facilitare la connessione fra gli operatori di tali spazi, organizzati da associazioni di volontariato, e gli insegnanti delle scuole frequentate dai bambini, al fine di costruire forme di collaborazione durature e formalizzate, quali ad esempio la negoziazione di piani di studio / compiti personalizzati. Le principali azioni sono i Gruppi di apprendimento specifici per bambini con BES e i laboratori di robotica educativa.
GENITORI EDUCANTI Il coinvolgimento dei genitori, la loro valorizzazione ed il sostegno alla loro funzione educativa, risulta fondamentale per il raggiungimento della finalità di empowerment e di crescita dei bambini. Pari e Dispari intende approcciarsi ai genitori con uno sguardo comprendente e non giudicante, al fine di offrire spazi di espressione e rielaborazione di quei vissuti di fatica che spesso conducono a decentrarsi dal proprio ruolo genitoriali e dalle attenzioni di cura verso i figli.
I CARE intende favorire un processo di presa in carico dei bambini in condizione di povertà educativa, e la loro individuazione precoce per intervenire più tempestivamente. Attraverso la definizione di patti educativi condivisi scuola/famiglia/servizi i bambini selezionati potranno usufruire di attività sportive/ricreative che permettano loro di integrarsi nel loro contesto territoriale di riferimento.
TIENIMI PER MANO tenta di rispondere al bisogno di accompagnamento dei bambini (e delle loro famiglie) ai passaggi scolastici di grado: dall’Infanzia alla Primaria e da questa alla Secondaria di primo grado, offrendo una serie di laboratori in classe, nonché seminari formativi rivolti ai genitori, per stimolare la cura delle transizioni e un atteggiamento genitoriale di curiosità nei confronti della crescita del figlio e dello sviluppo dei talenti personali.
UNA SCUOLA CONDIVISA mira a promuovere una scuola aperta al territorio e a misura di bambino e di famiglia, attraverso una serie di azioni trasversali (cicli di incontri tematici, laboratori per i genitori, workshop genitori e insegnanti per la costruzione di un nuovo patto educativo) e di interventi sperimentali, quali la facilitazione linguistica nella relazione scuola/famiglia e le Summer Slides – aperture della scuola nel periodo estivo con il coinvolgimento della cittadinanza.